La Pomella vera dell’Oltrepò Pavese

La mela Pomella genovese è una mela coltivata tradizionalmente in Oltrepò pavese, provincia di Pavia, che nel nome ricorda il suo mercato più importante storicamente: Genova. Attraverso prima le vie del sale che solcavano l’Appennino ligure e poi sulle moderne strade, dalle dolci colline delle valli Staffora, Ardivestra e Coppa questa mela prendeva la direzione del Mar Ligure.

 

La mela Pomella genovese è piccola, tonda e piuttosto schiacciata. La polpa bianca e croccante è avvolta da una buccia giallo-verde coperta a tratti dal rosso acceso della piena maturazione e da tante piccole lenticelle. La pianta, rustica e vigorosa, è resistente alle malattie e può essere facilmente coltivata senza l’uso di fitofarmaci di sintesi. Il frutto si raccoglie nelle prime due decadi di ottobre e si conserva molto bene per mesi.

 

Già inserita nell’Arca del gusto Slow Food, anche grazie alla stretta collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, è attualmente in corso l’iter per la sua definizione come Presidio Slow Food. La mela Pomella, inoltre, si fregia del marchio De.Co. (Denominazione Comunale) e di quello di Prodotto di Montagna del Ministero delle Politiche Agricole, Forestali e Alimentari.

 

Anche se presumibilmente è più antica, le prime fonti a citare esplicitamente la Pomella genovese risalgono al 1824 (Gallesio), seguite da Garnier Valletti (1871, 1873, 1901), per arrivare al Molon nel 1901, che afferma di aver ricevuto una pianta in dono nel 1895 dal sig. Barbieri di Borgoratto.

 

Oggi la Pomella genovese autentica, quella con il bollino, si produce nei comuni di Menconico, Ponte Nizza, Val di Nizza e Varzi, ed è tutelata da un’associazione di produttori che, con il contributo di Fondazione Cariplo, si sono associati per preservare un frutto antico, scrigno di aromi e sapori unici. Solo queste pomelle, infatti, sono frutto di alberi profilati geneticamente e accuratamente selezionati, attraverso il lavoro dell’Università Cattolica di Piacenza e dei numerosi partner del progetto.